Il tessuto

La Sindone è un lenzuolo di lino che oggi è di colore giallo ocra. L’originario colore del telo è però guscio d’uovo e la colorazione attuale è dovuta ad un ingiallimento. Il telo misura 441 cm in lunghezza e 113 cm in larghezza, con uno spessore di 0,34 mm. Si tratta di misure medie, dato che il lenzuolo, a causa del tempo e delle trazioni subite, ha un profilo molto irregolare. Inoltre i lavori di restauro del 2002 hanno alterato le dimensioni del lenzuolo, aumentandole di alcuni cm.

Su uno dei lati lunghi è stata aggiunta, ricucendola, una striscia dello stesso tessuto larga circa 8 cm
. L’aggiunta di questa striscia è stata eseguita in maniera particolarmente accurata, con una cucitura eseguita dettagliatamente. Perfino la trama che compone il tessuto, al punto della cucitura, sembra continuare perfettamente nel tratto di tessuto aggiunto. Si può pertanto affermare che la striscia è stata cucita da mani esperte. Sul lato esterno del Telo, così come sulla striscia aggiunta, si osservano le cimose.

Il tessuto presenta una trama a spina di pesce, con un rapporto di 80 fili di ordito e 4 fili di trama. Ogni striscia della spina presenta 41 fili di ordito in un verso, 39 nell’altro. Nel Telo sono visibili alcuni difetti nella trama. In alcuni casi l’ordito presenta alcuni fili in più, in altri fili in meno rispetto al normale. Il lenzuolo presenta una simmetria nella armatura della spina di pesce. Questa particolare disposizione dei fili risale all’epoca glaciale, pertanto non può essere utilizzata per la datazione del tessuto.

I fili di trama e ordito sono singoli, filati irregolarmente. Alcuni si presentano più grossi e filati in modo ancor più irregolare. Questo sta ad indicare che il lenzuolo è stato tessuto a mano. I fili di ordito sono lunghi in media 38 cm, quelli di trama 26 cm.

Il lino della Sindone è allo stato naturale, non tinto. Si tratta di un lino pregiato, che probabilmente veniva tagliato su misura ed eventualmente allungato, come è stato con il Sacro Telo, che presenta l’aggiunta laterale già descritta. Probabilmente era un tipo di lino venduto a metraggio secondo le esigenze del richiedente, per poi essere in seguito lavorato.

La Sindone si presenta molto morbida al tatto. Questo è probabilmente dovuto al fatto che il tessuto usato è di alta qualità. A seguito dell’incendio del 1532 erano stati applicate delle toppe a coprire i fori provocati dalle bruciature. Il Telo era stato inoltre cucito su un supporto di lino, come sostegno, la cosiddetta “tela d’Olanda”. Durante il restauro del 2002 i rattoppi sono stati rimossi e la tela d’Olanda sostituita.

x